AA VV - Fiabe del popolo Tuareg[Pdf Mobi Txt Html Epub - Ita][TNT Village]

Size 11.119 MB   21 seeders     Added 2012-03-31 02:30:51

To download or stream you need BitLord. Visit them at BitLord.com
[img]image[/img] \r\n[img]image[/img] [img]image[/img]\r\n\r\n[img]image[/img]\r\n\r\n[img]image[/img] [img]image[/img] [img]image[/img]\r\n\r\n[img]image[/img]\r\n\r\n[img]image[/img] [img]image[/img] [img]image[/img]\r\n\r\n[b]\r\nAUTORE : \r\nAA.VV.\r\na cura di Vermondo Brugnatelli\r\n(a cura di Uwe Topper)\r\n[img]image[/img]\r\nTITOLO :\r\nFiabe del popolo Tuareg\r\n(Marchen der Berber)\r\n[img]image[/img]\r\nANNO :\r\n1994 (Mondadori Editore)\r\n[img]image[/img]\r\nPeso del pack : \r\n10,6 MB\r\n[img]image[/img]\r\nFormati:\r\nPdf - Mobi - Txt - Html - Epub\r\n\r\n[img]image[/img]\r\n\r\n[img]image[/img]\r\n\r\n«Eravamo  tutti  seduti  intorno  al  fuoco,   con  i  cugini,   le cugine,  le  zie  e  il  vecchio  zio  malconcio  e  ripiegato  nella \r\nsua  lunga  jallaba  rappezzata.  Le  braci  del focolare  liberavano  il  loro  ultimo  calore,  esauste  per  lo  sforzo  costante \r\nimposto  dalle  donne.  Questo  calore  serviva  per  cucinare  i nostri  pasti  ma  anche  per  il  conforto  di  tutti  noi. \r\n«La  sera,  dopo  cena,  mia  zia  ci  distribuiva  una  manciata  di  fichi  che  ci  asciugavano  sulle  labbra  il  gusto  del \r\npasto.   (...)  Col  lembo  del  vestito  la  zia  ripuliva  i  resti  di sugo  sui  visetti  rotondi  e  spensierati  dei  bimbi,  i  quali  \r\nattendevano  che  la  sua  voce  si  levasse  nel  silenzio  e  nella quiete  della  veglia. \r\n«Allora  la  voce faceva  risonare  alta  la  formula  iniziale: \"Amashaho!...  \".  Sapevamo  che  a  partire  da  quel  momen-\r\nto  ci  si  sarebbero  spalancate  le porte  di  un  mondo  immaginario  e  fatato.  I  nostri  corpi  si  stringevano  l'uno \r\nall'altro,  perché  l'abitudine  ci  aveva  insegnato  che  un 'orchessa poteva  saltar  fuori  in  ogni  momento,   in  questi  racconti, \r\nabitati  dallo  strano  e  dal  meraviglioso,  e  in  cui gli  uomini e gli animali parlano  la stessa  lingua  e si contendono  il posto  migliore. \r\n«Il  racconto  della  Mucca  degli  orfanelli  ci  strappava le  lacrime,   tanto  erano   tesi  i  fili  della   loro  avventura. \r\nJuhà,   per  la  sua  furbizia  era  ai  nostri  occhi  non  solo l'eroe  della  leggenda  ma  un  vero  eroe  nazionale,   a  tal \r\npunto  lo  consideravamo  parte  del  mondo  reale.   Ne  apprezzavamo    la    sfacciataggine,     l'astuzia    e    l'intelligenza....» \r\n« \"C'era  una  volta  un  inverno  molto  freddo,  la  neve  cadeva  a  larghe  falde. ..\"e la  famigliola  si  ritrovava  intorno \r\nal focolare  dove  ardeva  la  fiamma,  e  tutti  in  silenzio  pendevano  dalle  labbra  della  vecchia.  \r\nE  i  bimbi  più  piccoli, uno  alla  volta,  si  addormentavano... » \r\n\r\n[img]image[/img] \r\n\r\n\r\n[img]image[/img]\r\n\r\nI  Berberi \r\n\r\nNo,  io  non  sono  Arabo!   Così  suona  il  titolo  di  un  libro pubblicato  di  recente  in  Algeria  da  un  Algerino.  Non  si tratta  di  un  paradosso,  ma  della  pura  e  semplice  realtà: sono  infatti  milioni  i  nordafricani  di  madrelingua  diversa  dall'arabo,  che  rivendicano  la  propria  autonomia linguistica  e  culturale  rispetto  al  mondo  arabo  con  cui fin  dall'indipendenza  i  governi  dei  loro  paesi  hanno \r\ncercato  di  identificarsi,  e  con  cui  il  mondo  occidentale di fatto li identifica. \r\n\r\nIl  peccato  capitale  dei  Berberi  - gli  indigeni  del  Nordafrica -  è  quello  di  non  avere  praticamente  mai  costituito,  dai tempi  di  Massinissa e  Giugurta a oggi,   un'entità  politica  unita  e  autonoma  (uno  \"Stato  nazionale\"), \r\naccontentandosi  di  difendere  l'indipendenza  delle  proprie  tribù  o  dei  propri  villaggi  arroccati  sui  monti  o  in mezzo al deserto,  anche a costo di cedere le città costiere  e  le  regioni  più  fertili  ai  conquistatori  che,  nel  corso dei millenni, si sono succeduti sul loro territorio (Fenici,Greci, Romani, Vandali, Arabi, Turchi,  Europei). \r\n\r\nLa letteratura   berbera \r\n\r\nFin  dall'antichità  i  Berberi  possiedono  una  propria scrittura,  nella  quale  vennero  redatte  molte  iscrizioni libiche  e  numidiche,  come,  per  esempio,  l'iscrizione  di Massinissa a Dougga (Tunisia) del  139 a.C.  Questo alfabeto  (la  cosiddetta  scrittura  tifinagh)  viene  tuttora  impiegato  dai  Tuareg,  che  però  se  ne  servono  solo  per scopi  pratici,  e  non  per tramandare  opere  letterarie. \r\nCosì,  la  maggior parte  della letteratura berbera  è  una letteratura  orale,  tramandata  di  bocca  in  bocca  nel  corso  dei  secoli  per  opera  di  una  catena  di  amusnaw   (\"coloro  che  sanno\"),  depositari  del  patrimonio  culturale orale  della  propria  tribù.  Questa  vasta  cultura  orale comprendeva  le  opere  più  disparate:  poesie  religiose  o epiche;  sentenze,  detti e  proverbi;  testi  in prosa di vario \r\ntipo (fiabe,  racconti  storici,  miti  e  leggende  relativi  a determinati  luoghi  e  personaggi). \r\n[/b]\r\n[img]image[/img]
AA.VV. - Fiabe del popolo Tuareg_files/AA.VV. - Fiabe del popolo Tuareg-1.jpg 151.769 KB
AA.VV. - Fiabe del popolo Tuareg_files/AA.VV. - Fiabe del popolo Tuareg-2.jpg 113.655 KB
AA.VV. - Fiabe del popolo Tuareg_files/AA.VV. - Fiabe del popolo Tuareg-3.jpg 122.341 KB
Gathering some info...

Register and log in Isohunt and see no captcha anymore!

4000 symbols left
Hash 82BD797CE9F74C5393E12C12696691A32DA7E6D0