Joseph Campbell - L39eroe dai mille volti[Pdf Doc -Ita][TNT Village]

Size 15.363 MB   9 seeders     Added 2012-05-13 02:33:05

To download or stream you need BitLord. Visit them at BitLord.com
[b]\r\nJoseph Campbell\r\n\r\nL'eroe dai mille volti\r\n\r\n[img]image[/img]\r\n \r\nAutore:  Joseph Campbell\r\n\r\nTitolo: L'Eroe dai mille volti (The Hero with a Thousand Faces)\r\n\r\nLingua: Italiano \r\n\r\nGenere:  Mitologia - Antropologia\r\n\r\nEditore: Pantheon Books Inc - 1953\r\n         Giangiacomo Feltrinelli - 1958\r\n\r\nAnno Pubblicazione:1953\r\n\r\nDimensioni Pack:14,6 Mb\r\n\r\nFormati: Pdf - Doc\r\n\r\nCONTENUTI    \r\n\r\nL’Eroe dai mille volti\r\n\r\nJoseph Campbell ebbe l’intuizione, geniale all’epoca, di individuare non le differenze, ma le somiglianze dei racconti mitologici, e religiosi, apparsi sul pianeta nelle varie epoche, descritti nella sua opera “L’Eroe dai mille volti”.\r\n\r\nCampbell studiò con cura le opere e la vita di Jung, il grande psicologo svizzero. Questi, lavorando con un gran numero di psicotici, ne acquisì informazioni sull’immaginario inconscio; poi, confrontandole con la mitologia comparata, trovò sorprendenti somiglianze con l’immaginario dei suoi stessi pazienti, addirittura un vero e proprio parallelismo… allargando poi la ricerca a persone sane, si rese conto della sostanziale presenza di schemi analoghi.\r\n\r\nCampbell, approfondì il lavoro di Jung sul significato della Mitologia e dei simboli che essa rappresenta.\r\nAlcuni passaggi significativi:\r\n\r\n[i]“Ritengo che non ci sia più una sola Mitologia viva in ogni singola nazione, per ogni singolo individuo, anche solo fermandomi all’Occidente. L’ordine sociale moderno è essenzialmente secolare. Riconosciamo che le nostre leggi non sono di origine divina. Non le spieghiamo in termini mitologici. In passato, le leggi erano date da Dio a Mosé, ed espresse nella Bibbia. Non abbiamo più niente di tutto questo. Persino le leggi dell’Universo fisico non sono definitive, continuiamo ad avere nuove scoperte, non abbiamo un’immagine definitiva dell’Universo.\r\nRiguardo alla psicologia del singolo individuo, abbiamo talmente tante fonti e talmente tante opportunità nelle nostre vite, che non esiste una singola mitologia valida per tutti.\r\nCredo che all’interno della società secolare, che è una specie di cornice neutrale che permette all’individuo di sviluppare la propria vita, purché non disturbi troppo i vicini, ognuno di noi ha un mito individuale che lo guida, di cui può essere o no consapevole. Ecco il senso dello studio di Jung: quale è il Mito che sto vivendo?”\r\n\r\n“Le immagini mitologiche mettono in contatto la propria coscienza con l’inconscio. Ecco ciò che sono. Quando una persona non ha immagini mitologiche, o quando la coscienza le rifiuta, quale che sia la ragione, rinuncia ad essere in contatto con la parte più profonda di sé. In questo, ritengo, sta lo scopo del Mito nel quale ognuno vive. Si tratta di trovare il Mito nel quale viviamo, conoscerlo, in modo da dirigere la nostra esistenza con competenza.........\r\n[/i]\r\nMateriale tratto da  http://www.grandipassioni.com/\r\nEstratto dall’articolo   http://www.grandipassioni.com/2009/04/joseph-campbell-il-mito-nellesistenza-dellindividuo/\r\n\r\n[img]image[/img]\r\n\r\n\r\nDa “L’Eroe dai mille volti”:\r\n\r\nGilgamesh, perché erri in questo modo?\r\nLa vita che stai cercando, mai la troverai.\r\nQuando gli dei crearono l'uomo, \r\ninflissero all'umanità la morte, \r\ne conservarono la vita nelle loro mani.\r\nRiempiti la pancia o Gilgamesh;\r\ngiorno e notte divertiti;\r\nprocurati ogni giorno una piacevole occasione.\r\nGiorno e notte sii allegro e spensierato; \r\nche i tuoi vestiti siano belli, \r\ni tuoi capelli puliti, il tuo corpo lavato.\r\nAma il piccolo che prende la tua mano.\r\nFa' che tua moglie sia felice contro il tuo petto.\r\n________________________________________\r\n\r\nSia l'eroe ridicolo o sublime, greco o barbaro, ebreo o gentile, il suo viaggio varia ben poco nelle linee essenziali. Nelle favole popolari l'atto eroico è costituito da una azione fisica; nelle religioni più alte è presentato come un'azione morale; tuttavia, si troveranno variazioni sorprendentemente piccole nella morfologia dell'avventura, dei personaggi, delle vittorie riportate. \r\n\r\nQuando — in una determinata favola, leggenda, rito o mito, sembra mancare l'uno o l'altro degli elementi base del modello archetipo, esso vi è inevitabilmente celato sotto questa o quella veste — e la sua apparente mancanza può illuminarne la storia e la patologia,....\r\n\r\n_________________________________________\r\n\r\nAl cor gentil ripara sempre amore\r\nCom'a la selva augello in la verdura;\r\nNé fé amore anti che gentil core,\r\nNé gentil core anti che amor natura,\r\nChe adesso con fo il sole\r\nSi tosto lo splendore fo lucente,\r\nNé fo davanti il sole\r\nE prende amore in gentilezza loco,\r\nCosì propriamente\r\nCome clarore in clarità di foco.\"\r\n\r\n\r\nAUTORE \r\n\r\n[img]image[/img]\r\n\r\nJoseph Campbell (26 marzo 1904 – 30 ottobre 1987) è stato un saggista e storico delle religioni statunitense.\r\nIl suo pensiero è stato diretto a suggerire connessioni tra lo studio della mitologia comparata e la psicologia analitica. Si è ispirato a Carl Gustav Jung, che aveva riscontrato la presenza di figure archetipiche nell'inconscio collettivo. Questi archetipi condividono la struttura della maggior parte dei miti di tutte le culture del mondo.\r\n\r\nQuesta struttura può essere, ad esempio, quella del \"Mito dell'Eroe\", presente in varie culture (\"L'Eroe dai Mille Volti\", titolo di uno dei suoi contributi teorici più importanti).\r\n\r\nLa vita dell'Eroe, a grandi linee, passa quasi sempre da questi stadi:\r\n\r\n    nascita misteriosa;\r\n    relazione complicata col padre (orfano, padre cattivo, ecc.),\r\n    ritiro dalla società, apprendimento di una lezione (molte volte aiutato da una guida soprannaturale),\r\n    ritorno alla società e riporto dei suoi apprendimenti in quella società, molte volte grazie ad un'arma che solo lui/lei può usare (nelle mitologie occidentali recenti si tratta piuttosto di un lui - questo potrebbe interessare il movimento femminista).\r\n\r\nLa sua opera principale, \"Le Maschere di Dio\" (The Masks of God, 1959-1968) rappresenta una sintesi critica della mitologia mondiale, tramite un approfondimento dei \"temi comuni\" che attraversano le più diverse produzioni mitologiche. Si tratta di un'opera enciclopedica per la trattazione espositiva e l'ampiezza delle fonti, e al contempo particolarmente sofisticata nell'analisi teoretica.\r\n\r\nL'opera si struttura in 4 parti: Mitologia Primitiva - Mitologia Orientale - Mitologia Occidentale - Mitologia Creativa. La prima si riferisce alle culture primitive ed ai più antichi miti della creazione; la seconda ai miti ed alle leggende asiatiche; la terza a quelle della tradizione occidentale (greche, romane, etc.); la quarta alla produzione \"mitopoietica\" della cultura letteraria ed artistica moderna o contemporanea.\r\n\r\nDa Wikipedia\r\n[/b]
EroeCopertina.JPG 94.264 KB
Joseph Campbell - L'eroe dai mille volti.docx 5.819 MB
Joseph Campbell - L'eroe dai mille volti.pdf 9.45 MB
Gathering some info...

Register and log in Isohunt and see no captcha anymore!

4000 symbols left
Hash 2250DE9179B7B38AA567515AA2D8DE896784063D