De Sade - Le 120 giornate di Sodoma

Size 3.683 MB   0 seeders     Added 2012-06-12 01:32:40

To download or stream you need BitLord. Visit them at BitLord.com
Le 120 giornate di Sodoma - De Sade


[IMG]image[/IMG]

È il momento, amico lettore, in cui devi predisporre il tuo cuore e il tuo spirito al racconto più impuro che mai sia stato fatto da che il mondo è il mondo, non reperendosi un libro simile né presso gli antichi né presso i moderni. 

.: Informazioni Tecniche :.

Autore:  Donatien Alphonse François de Sade
Titolo: Le 120 giornate di Sodoma
Anno:  1785
Genere:  romanzo - erotico
Pagine:  240
Formato:  Pdf - Epub
Dimensioni: 1.5 Mb.


.: Trama :.


Le 120 giornate di Sodoma (Les Cent Vingt Journées de Sodome ou l'École du libertinage) è un romanzo incompiuto di Donatien Alphonse François de Sade, che compose nella prigione della Bastiglia nel 1785. L'opera avrebbe dovuto avere particolare importanza nella produzione di de Sade, importanza compromessa in parte dalle complesse vicende della sua redazione e pubblicazione, che ne impedirono il completamento.

La vicenda ha luogo temporalmente sul finire del regno di Luigi XIV, quando, a causa delle numerose guerre da questi sostenute per tenere alto il lustro della Francia tra le nazioni europee si erano esaurite le risorse dello Stato e impoveriti i ceti produttivi (gli unici soggetti a tassazione), a tutto vantaggio di un ristretto gruppo di speculatori che avevano potuto invece accumulare enormi fortune grazie alle speculazioni e agli appalti sulle forniture belliche. Tra questi personaggi senza scrupoli troviamo i 4 protagonisti della vicenda, appartenenti alla nobiltà di toga e di spada e alle più alte cariche ecclesiastiche. Essi sono:
Il Duca di Blangis: cinquantenne, viene descritto come un personaggio quanto mai prestante, di notevole statura e di possente forza fisica, dotato peraltro di un grandissima potenza sessuale rimasta, nonostante l'età, inalterata. Egli è totalmente privo di principi morali, desideroso solamente di soddisfare i suoi appetiti e istinti primari, in nome di un naturalismo estremo. Tale assenza di scrupoli si è in lui rivelata sin dalla più tenera età, trovando una prima applicazione nell'assassinio della madre e della sorella da lui attuati per evitare di dover spartire con esse l'immensa eredità paterna. Innumerevoli altri atti infami hanno accompagnato la sua esistenza: ciononostante egli è un personaggio codardo e vile nei momenti di difficoltà e pericolo, una caratteristica questa che egli stesso tuttavia giudica positivamente reputandola un sentimento naturale e legittimo, frutto dell'istinto di conservazione.
Il Presidente Curval: descritto come un vecchio di più di sessant'anni, dall'aspetto scheletrico e ripugnante segnato dal vizio, egli è l'immagine della sua stessa moralità. È orribilmente sporco e sudicio in tutto il corpo, ed emana un fetore putrido; preferisce donne come lui rovinate dall'età e dalla malattia, in una degenerazione dei sensi che gli fa apparire desiderabile ciò che è laido. Sebbene sia ben dotato, ha difficoltà di erezione, in quanto nulla ormai lo eccita più di tanto, essendo ormai egli assuefatto ad ogni forma di pratica, per quanto cruenta possa essere. È naturalmente crudele e sadico ed ha utilizzato in passato la sua posizione di giudice per far condannare a morte (sulla base di accuse infondate) degli innocenti di bassa estrazione sociale per poter abusare delle loro figlie e mogli. Il Presidente è un grande appassionato del sesso anale sia attivo (prediligendo a tal scopo fanciulli di non più di 13-14 anni) che passivo.
Il Vescovo: fratello minore del Duca, ha 45 anni all'epoca dei fatti. Viene descritto come una persona dall'aspetto banale, diversamente quindi dal fratello, ma di pari malvagità e superiore raffinatezza di gusti. Nel libro viene narrato di come, nominato tutore di due fanciulli (un ragazzo ed una ragazza), figli di un suo amico e destinatari di un enorme lascito li abbia privati di ogni loro avere, costringendoli a vivere fino all'adolescenza segregati in condizioni durissime, profittando poi sessualmente di entrambi per poi trucidarli barbaramente. Anch'egli come il Presidente è un cultore del sesso anale, rifiutando peraltro categoricamente rapporti vaginali, dato che la sola vista della stessa vagina gli crea indicibile disgusto.
Durcet: di professione banchiere, ha 53 anni. Poche informanzioni vengono fornite su di lui, a parte una sommaria descrizione fisica (è basso, grassoccio, di carnagione pallida, ipodotato) e psicologica, laddove viene descritto come piuttosto effeminato. Sessualmente è pressoché impotente, e si diletta quasi esclusivamente nella sodomia passiva.
Costoro, accomunati oltre che dalle pratiche disoneste e immorali attraverso le quali avevano creato e accresciuto le loro immense fortune anche dalla passione per il libertinaggio più sfrenato, avevano per così dire cementato la loro amicizia attraverso una serie di matrimoni combinati che avevano visto la figlia di Durcet, Costance, sposata al Duca, la figlia del Presidente Curval, Adelaide, sposata a Durcet, e la figlia del Duca, Julie unita al Presidente medesimo. I matrimoni vengono combinati nel patto che le mogli in realtà siano condivise tra i mariti, patto a cui si aggrega anche il Vescovo, portando nella compagnia la sua figlia naturale Aline (frutto di una relazione con una delle precedenti mogli del fratello, il Duca).



.: Autore :.

[IMG]image[/IMG]


Il conte Donatien-Alphonse-François de Sade, meglio conosciuto come Marchese de Sade, Divin marchese o semplicemente De Sade (Parigi, 2 giugno 1740 – Charenton-Saint-Maurice, 2 dicembre 1814) è stato un filosofo, scrittore, poeta, drammaturgo, saggista, aristocratico e politico rivoluzionario francese, delegato della Convenzione nazionale.
Autore di diversi libri erotici, drammi teatrali, testi vari e saggi filosofici, molti dei quali scritti mentre si trovava in prigione, è considerato un esponente dell'ala estremista del Libertinismo, nonché dell'Illuminismo più radicale. Il suo nome è all'origine del termine sadismo, atteggiamento che emerge dai suoi romanzi. Fu perseguito prima dal regime monarchico, poi dalla Rivoluzione Francese (a cui aveva aderito) ed infine anche dal governo napoleonico.
De Sade - Le 120 giornate di Sodoma.doc 2.079 MB
De Sade - Le 120 giornate di Sodoma.epub 366.732 KB
De Sade - Le 120 giornate di Sodoma.pdf 1.237 MB
Gathering some info...

Register and log in Isohunt and see no captcha anymore!

4000 symbols left
Hash B66F29751425963D06B36C60279BF3E0BFA0451B