La marcia dei pinguini-Luc Jacquet.avi

Size 1.657 GB   2 seeders     Added 2013-04-13 05:02:35

Stream torrent
Starting‥ You need BitLord! Get it from BitLord.com
To download or stream you need BitLord. Visit them at BitLord.com
La Marcia dei Pinguini (Luc Jacquet 2005) [DTTrip ITA] TNT Village

.: Release Originale :.
 
http://forum.tntvillage.scambioetico.org/index.php?showtopic=221207

.: Trama :.

Pur non potendo competere con gatti, topi e cani, i pinguini possono comunque vantare una filmografia di tutto rispetto. Dopo essere apparsi saltellanti e allegri in Mary Poppins, psicopatici e micidiali in Madagascar - senza contare il paradossale pinguino freddoloso de I tre caballeros - i pinguini ci vengono mostrati per la prima volta eroici in questo documentario sulla loro difficile missione di riprodursi.
Proprio il documentario naturalistico, dopo aver riscosso una serie di successi abbastanza sorprendenti negli ultimi anni (da Microcosmos a Il popolo Migratore), con La marcia dei pinguini viene definitivamente sdoganato come prodotto per il grande pubblico ed assume i connotati di un vero e proprio film con un percorso narrativo che non ha nulla da invidiare alle altre pellicole.
Ne La marcia dei pinguini non mancano infatti la suspense e la trepidazione, i momenti di forte tensione e quelli in cui il ritmo rallenta, le parentesi comiche, le inquadrature in cui l’occhio si perde liberamente nel paesaggio e quelle che inseguono freneticamente gli eventi chiave. Il tutto senza girare mai a vuoto (come accade invece in tante commedie o in tanti drammi) e senza portare mai lo spettatore alla noia.
Tutte le scelte di montaggio sembrano felici. Basti pensare alla decisione di non nascondere gli eventi più drammatici, facendo però attenzione a mostrarli, per quanto possibile, con una sorta di delicatezza verso lo spettatore e di rispetto verso gli animali (il pinguino rimasto isolato e destinato a soccombere, la femmina catturata dall’orca), in contrasto con tanti documentari sulla natura a cui la televisione ci ha abituati. In questo senso la scena più violenta è quella dell’avvoltoio che prova ad afferrare i cuccioli, in uno scontro lento e quasi irreale nella sua crudeltà.
È altrettanto apprezzabile la cura con cui ci si sofferma sui dettagli; ne è un esempio la scena del difficile passaggio dell’uovo dalla femmina al maschio, che mostra in tutta la sua evidenza come tanta fatica può essere sprecata da un movimento frettoloso o malaccorto.
Il tocco felice del regista sottolinea la poesia stupefacente del corteggiamento, la tenerezza dell’istinto protettivo dei genitori verso i cuccioli infreddoliti, la commozione del ritrovarsi dopo lunghissime e pericolosissime separazioni, ma anche la naturale comicità dei pinguini in fila indiana con la loro andatura barcollante e le loro irresistibili scivolate sul ghiaccio.
Una serie di sguardi, dunque, che ci svelano un mondo sconosciuto e dinamiche relazionali altrimenti impossibili da immaginare (la madre che perde il figlio e cerca di rubare il cucciolo ad un’altra femmina lascia semplicemente a bocca aperta).
Su tutto la voce narrante, a fare da raccordo ed a spiegare il senso delle diverse marce che i pinguini affrontano di buon grado, ma anche ad offrire talvolta la prospettiva individuale degli animali, umanizzandoli ulteriormente. Nella versione italiana il compito viene svolto da Fiorello ed il risultato appare solo in parte soddisfacente. Se infatti Fiorello è bravo e riesce a trasmettere la sua verve naturale, il suo lavoro è almeno in parte penalizzato da un testo a tratti retorico e dall’evidente intenzione di adattare il prodotto ai bambini.
Intenzione più furba che giustificata: La marcia dei pinguini è un documentario in grado di incantare e stupire un pubblico senza limiti di età, come sa fare la realtà, più ancora della fantasia, quando è ben mostrata. E i pinguini non hanno bisogno di voci personalizzate per far scattare l’empatia ed essere protagonisti assoluti della scena: la pellicola li svela superbamente in ogni aspetto, comico, eroico, tenero e drammatico. Dopo la visione di questo documentario non sono solo gli animali panciuti che abbiamo sempre immaginato simpatici, goffi e un po’ defilati (“sorridenti e coccolosi”, come ironizzava la dissacrante lettura di Madagascar), ma anche i genitori pronti al sacrificio contro l’inverno ed il digiuno.
Se riesce difficile anche solo immaginare gli stoici realizzatori del documentario, costretti per mesi a 40 gradi sotto lo zero in Antartide, la purezza delle immagini ed il fascino del mondo in cui ci hanno permesso di sbirciare fanno venir voglia di ringraziarli.

.: Cover :.
 
image

.: Crediti :.

Paese di produzione Francia
Anno 2005
Durata 85 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere documentario
Regia Luc Jacquet
Soggetto Luc Jacquet
Sceneggiatura Luc Jacquet, Michel Fessler
Fotografia Laurent Chalet, Jérôme Maison
Montaggio Sabine Emiliani
Musiche Emilie Simon

.: Screenshot :.
 
image

========================================

.: Dati tecnici del file :.

Dimensione: 1579.943 MB
Durata: 01:20:26

Codec Video: divx/DX50
Risoluzione: 592 x 320
Framerate: 25 fps
Bitrate: 1200 kbps
Qf: 0.253

Codec Audio: PCM
Bitrate: 1536 kbps CBR
Canali: 2
Frequenza: 48000 Hz		
La marcia dei pinguini-Luc Jacquet.avi 1.657 GB
Gathering some info...

Register and log in Isohunt and see no captcha anymore!

4000 symbols left
Hash 209c1b7fe4a6d64f27e402bbd7c488806a38ebb0